Su questo sito utilizziamo cookie, nostri e di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta la nostra informativa sui cookie. Chiudendo questo elemento o interagendo con il sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies del sito web www.emergingseries.net

EmergingSeries JOURNAL

EmergingSeries Journal 1 in versione epub 3.0
EmergingSeries Journal 1 in pdf
EmergingSeries Journal 2 in versione epub 3.0
EmergingSeries Journal 2 in pdf
EmergingSeries Journal 3 in versione epub 3.0
EmergingSeries Journal 3 in pdf
EmergingSeries Journal 4 in versione epub 3.0
EmergingSeries Journal 4 in pdf

EmergingSeries Journal 5 in versione epub 3.0

EmergingSeries Journal 5 in pdf



Per la lettura del Journal versione epub 3.0 consigliamo i seguenti epubreader:
per Windows: ePubReader (Firefox), Readium (Chrome)
per Mac: AdobeDigitalEdition

CON IL PATROCINIO DEL DIPARTIMENTO CULTURE E SOCIETÀ DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

«EmergingSeries Journal» è una rivista scientifica che nasce nell'ateneo di Palermo presso la cattedra di "Cinema e media" tenuta dal prof. Simone Arcagni.

La rivista si focalizza sulle nuove forme di audiovisivo web nativo con particolare attenzione alla serialità, intesa in maniera ampia come specifico del linguaggio e delle strategie di racconto per il web. La serialità viene investigata come la possibilità di creare ambienti narrativi vasti in cui testi si affiancano, si costruiscono a episodi o secondo la struttura del database. Una particolare attenzione viene riposta sulle web serie e sui web doc, ma è nostra intenzione aprire nei confronti dei racconti sui mobile device e delle diverse forme di storytelling online (tutorial, fiction interattiva, data visualization storytelling, locative media storytelling, augmented reality storytelling, gaming e gamification seriale etc).

«ES Journal» si caratterizza per un approccio multidisciplinare attento alle istanze della semiotica, della sociologia, delle forme narrative, dei film e media studies e degli Internet studies.

La rivista è semetrale e accetta proposte di articoli. Le proposte vanno inviate alla redazione (nello specifico al caporedattore Mirko Lino) e con lui concordate. Ogni proposta viene sottoposta al comitato di redazione e al comitato scientifico per l'approvazione e per la revisione. La lunghezza dei contributi dovrà essere di circa 20.000 battute (spazi inclusi). L'abstract dell'articolo non dovrà superare le 500 parole. Per ogni contributo l'autore è invitato a inserire 5 parole chiave per l'indicizzazione.

web serieweb docweb fictionweb tutorialappseriestorytelling crossmedialestorytelling transmediale


DIRETTORE

Simone Arcagni
Simone Arcagni

Simone Arcagni è Professore associato presso l'Università di Palermo. Studioso di nuovi media e nuove tecnologie collabora con "Nòva - Il Sole 24 Ore", "Oxygen", "Technonews", "Segnocinema" e altre riviste di divulgazione scientifica. Dirige "Screencity Lab". È consulente e collaboratore di festival, conference e riviste. Il suo ultimo libro si intitola Screen City.

Nòva

Screencity Lab

TechnoNews

Digicult

LinkedIn    Facebook    Twitter    Google

CAPO REDATTORE

Mirko Lino
Mirko Lino

Mirko Lino è dottore di ricerca in Letterature comparate presso l'Università dell'Aquila e cultore della materia "Cinema e media" presso l'Università di Palermo. Studioso di cinema e letteratura, ha pubblicato saggi e articoli sugli intrecci delle due forme narrative. Coordina assieme a Giusy Mandalà la sezione letteraria e quella sui nuovi media del Sicilia Queer Filmfest.

LinkedIn    Facebook    Twitter

CAPOSERVIZIO

Giusy Mandalà
Giusy Mandalà

Giusy Mandalà è laureata al D.A.M.S. e lavora nel mondo del cinema. Si occupa di cinema e nuovi media e collabora all'organizzazione di festival e rassegne. Coordina con Mirko Lino la sezione letteraria del Sicilia Queer Filmfest.

LinkedIn    Facebook    Twitter    Google

WEB ENGINEER

Filippo Castrogiovanni
Filippo Castrogiovanni

Filippo Castrogiovanni, laureato in Ingegneria Informatica presso l'Università degli Studi di Palermo, studente magistrale presso il Politecnico di Torino, Project Manager e Web Engineer, si occupa di amministrare e implementare la struttura informatica di EmergingSeries.

LinkedIn    Facebook    Twitter    Google

COMITATO DI REDAZIONE

Ornella Costanzo
Ornella Costanzo

Scrive e gestisce progetti nell'ambito culturale e dei media digitali. Ha collaborato con lo Studio Azzurro e con N!03 alla realizzazione di percorsi museali interattivi. Dal 2011 si occupa di crossmedia e ha realizzato nel 2013 "Tutto parla di voi", webdocumentario sulla maternità legato al film di Alina Marazzi, prodotto da Mir Cinematografica, Ventura Films, RSI Radio Televisione Svizzera in collaborazione con Ilfattoquotidiano.it. Ha svolto workshop e attività di insegnamento di tecniche di produzione audiovisiva e arte pubblica tra il Dams di Palermo, lo Ied di Milano e il Politecnico di Milano, Campus di Piacenza.

Domenico Morreale
Domenico Morreale

Domenico Morreale svolge attività didattica e di ricerca. È ricercatore in "Sociologia dei processi culturali e comunicativi" e titolare dei corsi "Linguaggi dei media e dei nuovi media", "Letteratura e comunicazione audiovisiva" e "Comunicazione di massa" presso l'Università Guglielmo Marconi di Roma. Collabora con l'insegnamento di "Media e progetto" all'interno del corso di laurea in "Ingegneria del cinema e dei mezzi di comunicazione" del Politecnico di Torino. Si occupa di transmedia storytelling e delle nuove forme di comunicazione audiovisiva. Videomaker, regista e transmedia designer. Ha curato progetti di transmedia storytelling e alternate reality game, come Aequilibrium, ARG italiano per la promozione del territorio, realizzato in collaborazione con il Politecnico di Torino e l'Agenzia di Sviluppo territoriale di Vigevano o come Futour2045, ideato insieme a Riccardo Milanesi, progetto di crowdstorytelling per la creazione di un mondo finzionale collaborativo.

Antonio Santangelo
Antonio Santangelo

Antonio Santangelo (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) è ricercatore presso l'Università E-Campus di Novedrate (Como). È anche docente di Semiotica della televisione e Linguaggi della comunicazione aziendale presso l’Università degli Studi di Torino, Pubblicità: economia e linguaggi presso il Politecnico di Torino, Teorie del racconto visivo, Semiotica dei consumi e Ricerche di mercato presso l'Istituto Europeo di Design di Torino. È autore di Handbook of tv quality assessment (Uclan Publishing 2013), edito in Italia da Celid (Valutare la qualità televisiva, 2014), Sociosemiotica dell'audiovisivo (Aracne 2013), Le radici della televisione intermediale (Aracne 2012) e Il gioco delle finte realtà (Vicolo del Pavone 2012). Insieme a Gian Marco De Maria, ha curato La Tv o l'uomo di immaginario (Aracne 2012) e, con Guido Ferraro, Uno sguardo più attento. I dispositivi di senso dei testi cinematografici (Aracne 2013). È stato consulente del Marketing Rai e ha lavorato come autore televisivo per MTV (Black Box 2008). Tutt'ora svolge l'attività di video maker.

Andrea Minuz
Andrea Minuz

Andrea Minuz docente presso l'Università di Roma "La Sapienza". Ha insegnato nell'Università Cattolica di Milano e al Dams di Bologna. Si è occupato di teoria e analisi del film e attualmente svolge ricerche sulla storia sociale del cinema italiano. Tra le sue pubblicazioni: Dell'incantamento. Hitchcock, Bergman, Fellini e il "motivo dello sguardo" (2009); La Shoah e la cultura visuale. Cinema, memoria, spazio pubblico (2010 – premio "Limina" miglior libro italiano di cinema); F.W. Murnau. L'arte di evocare fantasmi (2010). Viaggio al termine dell'Italia. Fellini politico (2012), di prossima uscita tradotto in inglese per Berghahn Books. Il suo ultimo libro è Quando c'eravamo noi. La crisi della sinistra nel cinema italiano da Berlinguer a Checco Zalone. Collabora con le riviste "IL" e "Segnocinema".

COLLABORATORI

Luca Cinquemani
Luca Cinquemani

Luca Cinquemani ` dottorando di ricerca in Studi Culturali Europei presso l'Università di Palermo dove precedentemente si è laureato in Teorie della Comunicazione. I suoi interessi di ricerca si concentrano sul rapporto tra nuove tecnologie digitali, algoritmi e automazione nelle società post-industriali. Collabora con "Fata Morgana" ed ha scritto diversi articoli sugli intrecci tra pratiche artistiche contemporanee, cinema e media digitali.

Janet De Nardis
Janet De Nardis

Janet De Nardis ( nata a Windsor, 15 febbraio 1978) è una giornalista, conduttrice televisiva e attrice italiana. Ha lavorato per Rai, Sky, Class News e Class CNBC, firmando vari programmi televisivi. Laureata in architettura è un'esperta di web, arte e di moda. Dopo una fruttuosa esperienza nel mondo della moda inizia la carriera nello spettacolo come cantante, nel gruppo femminile delle Finger Prints, con cui nel 2000 incide il singolo When I Fall in Love e canta per i mondiali del 2002 in Giappone, a Sendai. Nello stesso anno debutta come presentatrice in televisione su Sky e il 21 settembre 2003 diviene il volto di Rai 2 come nuova "Signorina buonasera". Da allora presenta innumerevoli programmi, firmandone alcuni. Diviene testimonial di importanti campagne pubblicitarie e dopo alcuni anni di studi con Beatrice Bracco, Michael Margotta e Francesca De Sapio inizia a lavorare in teatro, al cinema e in tv in serie di successo come "I Cesaroni" e "Don Matteo". Nel 2011 conduce Il Tg del Parlamento Europeo per Class News e Class CNBC. È questo il momento in cui si appassiona alle webserie e ai prodotti virali curando conferenze e reportage sul tema. È docente presso la Giffony Academy ed è coordinatrice e docente di un laboratorio dedicato ai prodotti web nativi presso la facoltà di lettere dell'Università degli studi La Sapienza. Scrive su tvzap di Repubblica.it in una rubrica dedicata alle web serie. Conduce il programma "Light news- cinema e web a confronto" per Cinecittà Luce. Dal 2012 è Direttore Artistico del Roma Web Fest di cui è ideatrice e fondatrice."

Giacomo Nencioni
Giacomo Nencioni

Giacomo Nencioni (Viareggio, 1981) ha conseguito il Dottorato di Ricerca in cinema presso il Di.Co.Spe. dell'Università Roma Tre ed è attualmente assegnista di Ricerca presso l'Università per Stranieri di Perugia. Si è occupato principalmente di nuovi formati dell'intrattenimento televisivo, serialità, user generated content e social network. Ha lavorato come regista e montatore televisivo. È autore, tra gli altri, di OZ in HBO. Televisione, autorialità, estetica (Bulzoni, 2011); "Tra broadcast e selfcast: YouTube e i vlog" in Imago. Studi di cinema e media, e Social Network. Facebook, YouTube e gli altri: relazioni sociali, estetica, emozioni con Enrico Menduni e Michele Pannozzo (Mondadori Università, 2011).

Emanuela Zaccone
Giacomo Nencioni

Emanuela Zaccone PhD Digital Entrepreneur. Co-Founder e Social Media Strategist di TOK.tv, la Social TV company con sede a San Francisco che ha realizzato le prime app second screen focalizzate sull'uso della voce e sullo sport. È stata co-founder e CEO anche di AIDA Monitoring, Actionable Insights from Data Analysis, e come Social Media Strategist ed Analyst ha lavorato con aziende come Telecom Italia, Eridania e l'ateneo LUISS Guido Carli. Dal 2009 si occupa di formazione su questi temi e collabora con diversi siti e testate. Nel 2011 ha completato un Dottorato di Ricerca tra le università di Bologna e Nottingham, con una tesi su Social Media Marketing e Social TV.

Riccardo Polignieri
Giacomo Nencioni

Riccardo Polignieri è un consulente indipendente. Nel corso degli anni, ha programmato e organizzato eventi culturali per musei, enti di formazione, e amministrazioni locali e regionali italiane. Di recente si è concentrato sulla comunicazione del patrimonio culturale e artistico sul web. Negli ultimi tre anni ha inoltre curato il concorso Web del Prix Italia.

Diego Cavallotti
Diego Cavallotti

Diego Cavallotti (Milano, 1983) è dottorando di ricerca in Studi Storico-Artistici e Audiovisivi presso l'Università degli Studi di Udine. Dopo aver collaborato con l'Associazione Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia di Bologna, si è laureato in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l'Università degli Studi di Milano. I suoi interessi di ricerca sono legati alla teoria del cinema e del video amatoriali, all'archeologia dei media e alla teoria del dispositivo. Tra i saggi pubblicati sono presenti "Archivio amatoriale e rimediazione digitale" (Fata Morgana, n. 24, Dispositivo) e "Produzione discorsiva e tecnologia: note teorico-metodologiche per una ricerca sulle riviste per videoamatori" (Cinergie, n. 7).

Riccardo Cannella
Riccardo Cannella

Riccardo Cannella è un regista cinque volte vincitore del premio per la miglior regia, Los Angeles Web Fest 2015, Los Angeles Web Fest 2014, Roma Web Fest, Festival IMMaginario e Roma Web Awards. Nato e cresciuto nell'isola di Ustica, dopo la maturità scientifica si trasferisce a Roma per intraprendere gli studi di regia alla "Libera Università del Cinema", creata da Cesare Zavattini, Blasetti e Leonviola. Ottiene il diploma di Laurea con il corto "Quando nulla cambia tutto invecchia" proiettato alla "Casa del Cinema", occasione in cui riscuote notevole successo di critica: "Raccontare la vita in tre inquadrature è eccezionale!" Gigi Oliviero. Nello stesso periodo riceve dei riconoscimenti in campo letterario, raggiungendo le fasi finali del concorso Internazionale di Poesia Città di Monza e ricevendo il titolo di "Poeta" al Concorso Internazionale G. Gioacchino Belli. Subito dopo s'iscrive al corso di Filosofia alla Sapienza di Roma, che frequenta contemporaneamente alle varie occupazioni cinematografiche. Impara da registi del calibro di Michele Placido, Sergio Castellitto e John Rock. Nel 2013, dopo diversi cortometraggi, esce la sua prima serie web, "Run Away", che riceve grande successo di critica e di pubblico, diventando una delle serie web più premiate d'Italia. L'anno dopo spetta a Web Horror Story, nuovamente molto apprezzata tanto da suscitare l'interesse della nota televisione Francese "Canal Plus" che ottiene, in Francia, l'esclusiva di entrambe le serie per tutto il 2015, e del documentario "Dietro al Volante" che racconta del noto automobilista siciliano Nino Vaccarella e della prima gara automobilistica al mondo, la Targa Florio. Nel 2015 fonda con la sua società, la Cinnamon Production, il Sicily Web Fest, il primo e unico festival di serie web in Sicilia, presentato all'Hilton Universal City di Hollywood in occasione del Los Angeles Web Fest e in Corea del Sud, in occasione del Korea Web Fest.

Francesco Mangiapane
Diego Cavallotti

Francesco Mangiapane è assegnista di ricerca in Filosofia del Linguaggio (Semiotica) e dottore di ricerca in Disegno industriale, arti figurative e applicate. Si occupa di analisi della contemporaneità. Nella sua attività di ricerca, ha approfondito le questioni legate ai nuovi e ai vecchi mezzi di comunicazione, all'identità visiva e al brand, al cibo e all'identità culturale nella rappresentazione che ne danno i media. Scrive per Doppiozero e altri magazine di approfondimento culturale.

COMITATO SCIENTIFICO

Marco Bertozzi (Università IUAV di Venezia – Culture del Progetto)

Antonio Gentile (Università degli Studi di Palermo – Dipartimento DICGIM)

Giulio Lughi (Università degli Studi di Torino - Dipartimento DIST)

Roy Menarini (Università di Bologna - Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita)

Domenico Morreale (Università degli Studi Guglielmo Marconi - Dipartimento di Studi Sociologici e Psicopedagogici)

Roberto Pirrone (Università degli Studi di Palermo – Dipartimento DICGIM)

Antonio Santangelo (Università degli Studi ECampus - Dipartimento di Psicologia)

Christian Uva (Università degli Studi Roma Tre - Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo)

Andrea Minuz (Università di Roma "La Sapienza")

ISSN: 2421-4663
Edizioni Kaplan
Via Saluzzo, 42 bis - 10125 Torino

CON IL PATROCINIO DEL DIPARTIMENTO CULTURE E SOCIETÀ DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

EmergingSeries  è parte dell'OSSERVATORIO SUI MEDIA DIGITALI

L'OSSERVATORIO  indaga lo scenario mediale contemporaneo in relazione al Web e al Mobile, concentrando l'attenzione soprattutto su Web Cinema, Web TV, Web Serie, Web Documentari, App e Social Network. Focalizza le proprie analisi sulle relazioni tra tecnologie (device e software), mercato, modelli di fruizione, pratiche e forme di narrazione, costruzione dell'informazione, piattaforme, profilazione utente, forme di condivisione, partecipazione, circolazione e interattività: Storytelling Crossmediale e Transmediale, Gamification, Convergenza.

                     

Newsletter

Contattaci

Siamo aperti a segnalazioni, post, commenti, indicazioni di ogni tipo, sul sito e sui social network: Stay tuned !!! Read more

Chi siamo

EMERGINGSERIES  è una piattaforma online sul fenomeno delle webserie e dei webdoc.

Il progetto nasce in ambito accademico e riunisce giornalisti, studiosi, operatori nel mondo del cinema e dei media.

Read more

Licenza Creative Commons
EmergingSeries Journal di www.emergingseries.net è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale .
Dal lavoro di www.emergingseries.net
Privacy Policy